622  

Giulia Lamarca: una storia di rinascita

Può un singolo giorno cambiare la vita di una persona per sempre? Nel caso di Giulia Lamarca è stato proprio così. Il giorno che ha segnato un cambio vita netto per lei è stato il 6 ottobre 2011 quando a soli 19 anni un terribile incidente le fa perdere l'uso delle gambe. Da allora la vita di Giulia è stata caratterizzata ogni giorno dalla presenza di un qualcosa che prima non esisteva: la carrozzina.
Se per molti questo poteva sembrare un impedimento per Giulia non è stato così. Ha dovuto lottare a lungo contro paure, ostacoli e i difficili momenti di sconforto ma non si è mai persa d'animo e con positività e ironia è riuscita a tirar fuori la forza che l'ha sempre contraddistinta in tutto. E proprio questa forza l'ha spinta a continuare a seguire la sua più grande passione: viaggiare alla scoperta di nuove terre e culture. Anche appena uscita dall'ospedale, dopo nove mesi dall'incidente, Giulia è partita subito per Cipro. Da allora la lista dei posti che ha visitato è lunga e ancora oggi continua a girare il mondo insieme alla sua bellissima famiglia.
A Festivaldeigiovani®
Giulia Lamarca condividerà la propria esperienza di vita con i giovani che la intervisteranno in un evento dedicato al coraggio, alla rinascita e al raggiungimento dei propri sogni.

Chi è Giulia Lamarca? 31 anni, moglie e mamma, Giulia è voce forte e sensibile sull'inclusione e sull'empowerment femminile. É viaggiatrice full time e change maker. Ottimista e testarda all'occorrenza, parlerebbe per ore di body positivity, genitorialità e inclusione. Il suo motto è “Nessuno lo ha mai fatto prima, perché non lo facciamo noi?”. Con un background in psicologia, è anche coach, Ted Speaker e autrice del libro "Prometto che ti darò il mondo", edito da DeAgostini.

Registrati all'evento IN PRESENZA

Informazioni aggiuntive

  • Area Tematica: Diversità ed inclusione
  • Data: 29 marzo 2023
  • Orario: 14:30
  • Ospiti: Giulia Lamarca
  • Partner: Noisiamofuturo®
  • Location: SETTIMO TORINESE: Sala Giovani, Biblioteca Archimede